Visualizza messaggio singolo
Vecchio 11-11-2016, 21:20   #22
Profilo Utente
GeorgiaGee
Gattone
 
L'avatar di  GeorgiaGee
 
Utente dal: 02 2015
Paese: Milano
Regione: Lombardia
Sesso: Donna
Gatti: 1
Messaggi: 1,135
Predefinito Re: commenti, dubbi, domande, in merito all'approccio del nutrizionista dott. Bettio

Quote:
Originariamente inviato da Gab84 Visualizza Messaggio

- La prima domanda è sui tempi di somministrazione del cibo, anche io ho sempre saputo che andava dato "poco ma spesso" ora tutto si ribalta. Questi periodi di digiuno a quante ore ammonterebbero? Per fare espempio pratico, la mia micia mangia umido (circa 100 gr) diviso in 4 pasti: 7/7.30 del mattino - 13.00 circa - poi il pomeriggio è variabile ma diciamo le 18.00 di norma - e poi intorno alle 22/23 con aggiunta di 20 gr di secco per la notte. Ok che secondo lui il secco non va bene, ma come tempistica? Può andare?
Guarda la risposta che ho scritto per Alimiao sulla domanda simile:
La frase “Va bene anche 3 volte al giorno” implica pasti piuttosto dilazionati nella giornata, in contrapposizione allo spiluccare crocchi ogni volta che passa davanti alla ciotola. Non ci ha dato un tempo preciso, né ci ha consigliato un numero esatto di pasti, quindi non posso essere più specifica. Ci ha detto che dipende dal gatto e dalle sue abitudini. Un gatto abituato a mangiare in continuazione avrà sempre fame (per abitudine) e sarà quindi più difficile regolarizzare l’assunzione di cibo, in questo caso meglio non forzare (sarebbe traumatico passare da un regime all’altro di botto e si farebbero danni) e lasciare magari qualche premio di cibo sparso per casa..

Quote:
Originariamente inviato da Gab84 Visualizza Messaggio
La seconda domanda è sui Farmina N/D, ti ha detto perchè? C'è un motivo nutrizionale che glieli fa preferire o semplicemente sono i GF più facili da trovare?
Non mi ha detto perché, purtroppo io ho controllato la composizione solo a casa, rendendomi conto che sono altissimi in fosforo e calcio. Quindi devo chiederglielo.

Quote:
Originariamente inviato da Gab84 Visualizza Messaggio
Terza domanda, e qui sono davvero perplessa...Oasy? Almo Nature? Natural Code? Perchè preferirli a ProLife per esempio? Anche qui, si parla di reperibilità o di altro? Oltretutto quasi tutti complementari e con etichette tutt'altro che chiare (va detto)...
Sulle etichette non so, perché non le ho mai date. Gli ho chiesto però della questione complementare e non completo, ma lui ha risposto che si suppone che queste pappe vengano date come integrazione della dieta casalinga. Come scritto oggi pomeriggio, credo che lui consigli marchi che più si avvicinino alla composzione naturale?



Quote:
Originariamente inviato da Gab84 Visualizza Messaggio
In ultimo due pensieri, il primo, semplice ed ingenuo, relativo alle domande fatte sul perchè Bettio non abbia consigliato i vari marchi di zooplus: sarà che nemmeno sa che esistono? Il secondo sui veterinari in genere: stessa considerazione, conoscono quel che c'è sul mercato "fisico" del pet shop, non ce li vedo in giro su internet a cercare marche strane che poi magari per la nonnina del terzo piano non sono nemmeno reperibili. Al di la ovviamente del fatto che non sono proprio preparati e formati sulla nutrizione.
Io gli ho detto che do Animonda, Feringa etc, ma non mi ha detto niente su questo. Conosce di sicuro zooplus, avendomi detto di prendere li il Felini.
GeorgiaGee non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima