Visualizza messaggio singolo
Vecchio 09-08-2017, 15:05   #2
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 7,392
Predefinito Re: bekoff e l'etologia cognitiva

Cioè ti vorresti leggere cosa ha osservato Jane Goodall in anni di osservazione degli scimpanzé o cosa ha osservato Frans de Waal per anni sui bonobo? Io no. .
Intanto ti metto questo
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...V2c1fEjWlE34Wg
e questo
https://www.ted.com/talks/jane_gooda...es?language=it
L'obbiettivo più difficile degli etologi contemporanei, anche per Bekoff e non ne fa mistero, è spogliarsi di emotività umane per entrare nei panni e nelle emozioni degli altri animali osservati rapportandole alla specie osservata, altrimenti cosa stai lì per anni ad osservare cosa?
Dice anche:bisognerebbe essere estremamente prudenti nelle comparazioni tra gli esseri umani e e gli altri animali, resistendo alla tentazione di utilizzare i nostri parametri come pietra di paragone..... introducendo un interessante tolleranza di valori e termini antropomorfi

poi questo
http://www.cell.com/trends/cognitive...613(98)01262-5

Ora , io sono secchiona ok, ma non so se ce la faccio


"Quando mi trastullo con la mia gatta chissà se essa non faccia di me il proprio passatempo più di quanto io faccia con lei" Montaigne
Aletto non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima