Visualizza messaggio singolo
Vecchio 27-05-2020, 19:05   #13
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 7,414
Predefinito Re: Presentazione e richiesta consigli...

Ciao
Nel mio studio nell'ambito zooantropologico non ho seguito la branca interventistica (pet therapy). Quel che so è che si crea un incontro-confronto tra essere umano ed un'altra specie per favorire cambiamenti migliorativi tesi a portare benefici. L'incontro con un animale non lascia mai indifferente, e se l'impatto è positivo amplia la relazione dell'essere umano col suo mondo.

La relazione si avvia solo con questa caratteristica: se l’animale viene riconosciuto come referente, quindi come un punto di riferimento e come termine di confronto costruttivo. L’animale diventa referente se lasciamo che, all'interno di una relazione corretta, è un sostegno, ma anche un propositore di modelli e di domande a cui rispondere.

Secondo l’approccio zooantropologico la pet therapy è una co-terapia, come saprai sicuramente.
L'animale di casa può contribuire ad ottenere risultati ma solo se la persona lo riconosce e lo accetta come referente. Lo ripeto.

La pet-therapy vera e propria stanca gli animali.
Quindi gli animali di casa se coinvolti in questa attività andranno a loro volta seguiti.

Non vedo il gatto particolarmente adatto alle vostre necessità, a meno che non sia già il gatto di casa, perché lo dovresti inserire in una famiglia con già altri animali nel suo nucleo, ed i golden retriver mi sembrano già perfetti.
Potrebbe anche diventare il miglior amico di tuo figlio, però non so se sarebbe positivo incasinare il contesto, perché questo rischio c'è.


"Quando mi trastullo con la mia gatta chissà se essa non faccia di me il proprio passatempo più di quanto io faccia con lei" Montaigne
Aletto è collegato   Rispondi Citando Vai in cima