Visualizza messaggio singolo
Vecchio 03-06-2020, 13:04   #14
Profilo Utente
Anubi
Gattone
 
Utente dal: 10 2016
Regione: Lombardia
Sesso: Donna
Gatti: 5
Messaggi: 1,674
Predefinito Re: Arrivo in casa di micino di 40 giorni :)

Quote:
Originariamente inviato da Riri Visualizza Messaggio
Mi spiace, ma non penso che perché qualcuno si occupa di volontariato allora lo si debba considerare un santo a prescindere dal suo comportamento.
La persona in questione non può far testare gatta e gattini come concordato? Benissimo, allora lo si dice e magari ci si scusa.
Mi dai un gattino di quaranta giorni con tutte le evidenti complicazioni del caso e in più non riesci a farlo testare E a questo punto dovrei offrirmi io di occuparmi di testare la madre, che per di più non sarebbe garanzia di immunità per i piccoli? Sinceramente, dal mio punto di vista anche no.
Certo non ci sono obblighi giuridici, ma esiste la correttezza e qui, come ha anche sottolineato Zampetta in riferimento al togliere i cuccioli a mamma gatta per sostituirli con un'altra cucciolata, correttezza pare proprio non ce ne sia stata.
Per il resto anche io concordo, pcr sul piccolo è la soluzione migliore.
Ah ma io non ho mica detto che un volontario è per forza un santo, ho solo detto che non ha un obbligo giuridico a dare in adozione gattini testati, da come ha scritto chihiro nel primo post sembrava avesse proprio un obbligo, che poi avrebbe dovuto rispettatare l'accordo pattuito di testare la gatta ti do ragione, sarebbe stata più corretta, ma non si sa per quale ragione si sia comportata così, non può replicare quindi non mi voglio addentrare più di tanto in merito agli accordi presi tra la volontaria e chihiro.
A sto punto però se per chihiro il test della mamma era una conditio sine qua non all'adozione del cucciolo, come mi pare di aver capito (chihiro correggimi se ho capito male), dato che nel primo post puntualizza che è sul punto di rissa perchè la volontaria tentenna a far testare la gatta, forse allora avrebbe dovuto insistere con la volontaria a lasciarlo ancora con la mamma e di adottarlo solo dopo il risultato del test, anche se a mio avviso è meglio fare il test direttamente al cucciolo. Ormai il cucciolo è a casa, se fosse felv positivo (spero davvero con tutto il cuore che sia negativo) che si fa? Lo si ridà alla volontaria? Mi spiace ma quando si adotta un gatto bisogna pensarci non bene, ma di più prima di portarlo a casa.
Anubi non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima