Discussione: Ciclo antibiotico
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 15-04-2019, 19:43   #1
Profilo Utente
Super Squirrel
Gattino
 
Utente dal: 09 2016
Messaggi: 115
Predefinito Ciclo antibiotico

Ciao a tutti!

La situazione è la seguente: domenica 7, dopo 2/3 giorni in cui era molto mogio e mangiava poco, ho dovuto portare Lilo (un maschio castrato di 3/4 anni) in una clinica, perché stava davvero male, tanto che a mala pena si reggeva in piedi. Dalla visita è risultata febbre, disidratazione e una probabile tracheite (in totale assenza però sia di scolo nasale che oculare, a tal riguardo l'unico sintomo che ho riscontrato nei giorni precedenti è una tendenza a deglutire/masticare senza apparente motivo). Per indagare meglio abbiamo fatto anche un emocromo, ma è risultato quasi nella norma o comunque non spiegava di certo la condizione in cui era il gatto; in pratica l'emoglobina era leggermente bassa, mentre le piastrine erano abbastanza basse (per quanto riguarda quest'ultimo valore, il Vet ha detto che poteva anche essere dovuto alle modalità di prelievo). A questo punto gli è stato somministrato un antibiotico, un antipiretico e una flebo con vitamine per idratarlo. Verso sera la temperatura era quasi normale e il gatto sembrava più vispo. L'indomani Lilo stava decisamente meglio, inoltre quando sono tornato in clinica per una visita di controllo, mi hanno detto che analizzando uno striscio del sangue prelevato il giorno prima è stata rilevata l'emobartonella. Terapia: 21 giorni di doxiclina. Per risparmiare ho comprato il Bassado 100mg, mezza compressa al giorno.

Nei primi 3 giorni sono riuscito a dargli l'antibiotico abbastanza facilmente: dividevo la mezza compressa in 3/4 parti che andavo poi a infilare in bocconcini di umido/wurstel. Il terzo giorno però nel buttare giù l'ultimo boccone ha frantumato la compressa con i denti... e da quel momento ogni volta che mangia l'umido è molto diffidente e mastica fino a ridurre il cibo a livello atomico. Infatti già il quarto giorno il solito metodo non ha funzionato e alla fine ho dovuto avvolgere Lilo in un'asciugamano e infilargli la compressa in gola. Da quel momento in poi è diventato un inferno dargli l'antibiotico; una volta in bocca non c'è verso di fargli ingoiare la compressa: bava, conati di vomito, lamenti, graffi dappertutto perchè si dimena come un matto... inoltre mi dispiace molto anche per lui perchè si stressa tantissimo.
Oggi ho provato a sbriciolare l'antibiotico in un po' di omogeneizzato e a metterglielo in bocca con il dito, alla fine sono riuscito a darglielo, ma è stata cmq un'impresa... inoltre mi chiedo: l'antibiotico sbriciolato fa meno effetto? in caso di una lunga terapia può aumentare la probabilità di problemi allo stomaco/esofago?

In ogni caso con oggi fanno 8 giorni e la vedo davvero dura!
Avete qualche consiglio da darmi?
Per caso esiste la doxiciclina iniettabile (ancora meglio se a lento rilascio in modo da diminuire le ipotetiche iniezioni)?

P.S.
Il gatto ha sicuramente le tenie, prima di dargli il vermifugo però ho preferito aspettare che gli mettessi l'antipulci (cosa che ho fatto oggi) visto il nesso di causalità che esiste tra pulci e tenie. Domanda: posso dargli il Milbemax durante la cura antibiotica?
Super Squirrel non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima