Visualizza messaggio singolo
Vecchio 03-07-2020, 08:47   #2
Profilo Utente
alimiao
Moderatore
 
Utente dal: 01 2015
Regione: Lombardia
Sesso: Donna
Gatti: 2
Messaggi: 2,626
Predefinito Re: Gli allevatori non guadagnano?

Ciao Marycatty,
prima di tutto ti ripeto quello che già ti ho consigliato altre volte... quando inizi ad allevare, o meglio ancora prima, quando compri il futuro riproduttore/trice, dovresti farti affiancare nel primo periodo da un allevatore già affermato, e lui potrà rispondere a tutti i tuoi dubbi e impostare il tuo allevamento in modo corretto.

Detto ciò, è molto saggio da parte tua informarti molto bene prima di intraprendere una strada così complessa.
Le spese di un allevatore sono:
- acquisto del/dei riproduttori (che ovviamente essendo gatti di razza da expo e da riproduzione, costeranno di più di un gatto di razza da compagnia)
- per le gatte, spese veterinarie pre-parto, esami ecc, spese veterinarie per la gravidanza..
- spese veterinarie per i controlli e i vaccini dei cuccioli
- se fai accoppiare usando un riproduttore esterno, spese per la monta
- spese per partecipare alle expo (viaggio, spese di iscrizione gatti ecc)
- spese per test genetici e controlli da specialisti (qualora non fossero già tutti stati effettuati dall'allevatore da cui hai acquistato i mici, ma ce ne sono alcuni tipo le eco cardio che credo si debbano ripetere nel tempo)
- spese relative all'iscrizione all'anagrafe felina e burocrazia varia

A questo, aggiungi tutte le normali spese per il mantenimento dei mici, il cibo che deve essere di qualità, ecc.
L'unico introito dell'allevatore proviene invece dalla vendita dei cuccioli. Ovviamente, dipende da quanti ne fai in un anno, e dal prezzo a cui li vendi. Però l'allevatore serio fa poche cucciolate l'anno, non ha la catena di montaggio... quindi capisci anche tu che i margini di guadagno non sono poi molti.

La maggior parte degli allevatori con cui ho parlato arriva appena a coprire le spese, alcuni di più e altri di meno, dipende anche dalle annate (magari un anno hai avuto più problemi e spese veterinarie, un altro anno invece hai venduto più cuccioli). Diciamo comunque che è necessario avere delle entrate fisse esterne sufficienti, che permettano di coprire le spese dell'allevamento nei periodi in cui dovessi andare in perdita.

Poi non so tu che lavoro faccia, tieni conto che anche dal punto di vista dell'impegno, può essere molto gravoso allevare e avere un lavoro impegnativo full-time.. ad es se un cucciolo ha bisogno di essere svezzato artificialmente e devi svegliarti ogni qualche ora per allattarlo, oppure altre problematiche veterinarie... come già detto, meglio non essere da sola ad intraprendere questa impresa, meglio essere affiancati da amici/parenti...
alimiao non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima