Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili
Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili e amici degli animali
Aiuta anche tu Micimiao clicca qui

Home Micimiao Forum Regolamento FAQ Calendario
Vai Indietro   Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili > MICIMIAO FORUM DI DISCUSSIONE SUI MICI > Mici e a-mici in copertina

Notizie

Mici e a-mici in copertina Consigli e recensioni sui libri e riviste che riguardano i nostri mici e a-mici.

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 15-02-2016, 08:04   #11
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 6,931
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Quote:
Originariamente inviato da ElenaRolfi Visualizza Messaggio
Il gatto vive anche senza di te....il cane no. Il cane vive per te e per stare con te...forse è proprio per questo che ultimamente sento l'esigenza di avere con me un cane.....qualcuno per cui io sia il centro del mondo.....
La differenza sostanziale sta nella socialità che nel cane è assai simile alla nostra, una socialità collaborativa che è anche una necessità di specie
Infatti non abbiamo la certezza che il nostro gatto ci abbia scelto se non in quel brevissimo periodo in cui qualcuno di noi ha visto avvicinarsi spontaneamente un micio più o meno bisognoso. Poi per forza di cose lo chiudiamo in casa e non sapremo mai se ci risceglierebbe, ma alcuni hanno visto tornare il gatto che si era allontanato dopo mesi e mesi
Questa certezza la ha solo chi può lasciare i gatti liberi di girovagare e li vede costantemente tornare, allora sì che sappiamo di essere per loro siamo un punto di riferimento importante ed una base sicura. Il gatto non avendo una socialità obbligata fa delle scelte nelle quali spesso noi non rientriamo e dobbiamo semplicemente rispettarle, ma questo non riguarda né noi né i nostri gatti, perché sono in casa e li controlliamo
Goditi i momenti di condivisione di riposo e di gioco, goditi i rituali di relazione che per loro sono preziosi, nella nuova casa avrai anche un esterno da condividere con loro
La vita col gatto è condivisione di momenti che per noi forse sono poco significativi ma hanno per loro un valore importante
Forse sei il centro del loro mondo, ma questo viene percepito in modo diverso dalla nostra specie
Aletto non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 08:43   #12
Profilo Utente
fastfreddy
Gatto
 
L'avatar di  fastfreddy
 
Utente dal: 11 2015
Paese: Bergamo
Regione: Lombardia
Sesso: Uomo
Gatti: 1
Messaggi: 682
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Mi è capitato che Kyra si allontanasse da casa per molto ...diciamo che è stato vissuto male da entrambi ...quando era più piccola, in una casa dove può gironzolare nel vicinato, probabilmente ha smarrito la strada del ritorno (è una collina un pò impervia e piena di case) ...sono stati tre giorni di ansia, come potete immaginare ...poi una sera la vedo affacciarsi da dietro la recinzione di una casa sopra di noi ...era tornata ma era ancora in trappola avendo davanti a sè un salto troppo grande ...allora ho capito che esiste veramente un rapporto più stretto di quanto pensansi e che lei mi riconosce anche da lontano ...infatti solo quando mi ha visto ha cominciato a strillare per richiamare la mia attenzione perché era in difficoltà ...mi sono quasi ammazzato per recuperarla ...da allora non si è più allontanata e gironzola solo nei paraggi

Sono perfettamente cosciente di non essere indispensabile (d'altronde chi lo è, anche tra noi umani? ...seppur con grandi sofferenze tutti impariamo a rinunciare a qualcuno) ma importante sì, come d'altronde lei lo è per me


il gatto volante
fastfreddy non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 08:56   #13
Profilo Utente
Pumadi
Gattone
 
Utente dal: 09 2011
Paese: Padova
Regione: Veneto
Gatti: 2
Messaggi: 1,735
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Interessante, molto, perché i cavalli sono erbivori e hanno un codice di comunicazione completamente diverso dal nostro, e molto fine.

Chi di voi ha provato a comunicare con un cavallo (specialmente le prime volte) avrà notato come apparentemente siano impermeabili al dialogo e inespressivi.

Un altro pianeta rispetto ai cani, e anche ai gatti...


Trudi ora vivi nel mio cuore, ma mi manchi da impazzire... e non soffiare alla piccola Sharon
Pumadi non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 09:24   #14
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 6,931
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Quote:
Originariamente inviato da Pumadi Visualizza Messaggio
Interessante, molto, perché i cavalli sono erbivori e hanno un codice di comunicazione completamente diverso dal nostro, e molto fine.

Chi di voi ha provato a comunicare con un cavallo (specialmente le prime volte) avrà notato come apparentemente siano impermeabili al dialogo e inespressivi.

Un altro pianeta rispetto ai cani, e anche ai gatti...
Io ho pochissime esperienze con i cavalli, ma ho ben presente l'impermeabilità apparente di cui parli. Una mia amica che monta regolarmente ha un rapporto strettissimo col suo cavallo, va da lui tutti i giorni anche se ha famiglia e non ha tempo di montare

Questo studio valorizza gli animali di specie diversa dalla nostra in quanto individui, per questo è importante
Aletto non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 09:32   #15
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 6,931
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Quote:
Originariamente inviato da fastfreddy Visualizza Messaggio
Mi è capitato che Kyra si allontanasse da casa per molto ...sono stati tre giorni di ansia, ...allora ho capito che esiste veramente un rapporto più stretto di quanto pensansi e che lei mi riconosce anche da lontano ...infatti solo quando mi ha visto ha cominciato a strillare per richiamare la mia attenzione perché era in difficoltà ...mi sono quasi ammazzato per recuperarla ...da allora non si è più allontanata e gironzola solo nei paraggi
Questo episodio è la prova schiacciante della sua scelta, dell'importanza fondamentale che tu ed il suo territorio avete nei suoi confronti, pochi di noi hanno la stessa certezza.
Aletto non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 10:15   #16
Profilo Utente
Pumadi
Gattone
 
Utente dal: 09 2011
Paese: Padova
Regione: Veneto
Gatti: 2
Messaggi: 1,735
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Quote:
Originariamente inviato da Aletto Visualizza Messaggio

Questo studio valorizza gli animali di specie diversa dalla nostra in quanto individui, per questo è importante
Assolutamente.

A me ha colpito appunto perché i cavalli hanno un codice molto complicato. Sarebbe interessante sapere se felini selvatici riescono a interpretare le espressioni umane, e lo stesso con i cavalli.

Infatti, le prime volte che si frequentano i cavalli non si riesce a capire quello che stanno "pensando", passami il termine. Intimo sempre ad un principiante di stare lontano dalla bocca di un cavallo passando davanti ai box, perché è difficile capire se vuole mordere o se è infastidito. Dopo tanti anni di "training", io lo capisco QUASI al volo.

Mi chiedo se vale anche il viceversa, se hanno bisogno di allenamento anche loro, e quanto, e se questo valga anche per i carnivori con cui condividiamo più caratteristiche (per esempio gli occhi frontali, che per un cavallo ci identificano subito come predatore)


Trudi ora vivi nel mio cuore, ma mi manchi da impazzire... e non soffiare alla piccola Sharon
Pumadi non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Vecchio 15-02-2016, 10:53   #17
Profilo Utente
Aletto
Supergatto
 
Utente dal: 12 2014
Paese: Roma
Regione: Lazio
Sesso: Donna
Gatti: 3
Messaggi: 6,931
Predefinito Re: Recente pubblicazione di uno studio dell' Università del Sussex

Riporto una serie di copia/incolla dello studio col Googletranslate ed ho sottolineato ed evidenziato col colore quello che mi sembra poter dare una risposta alla tua domanda "se hanno bisogno anche loro di allenamento"
Non so se il gatto selvatico possa interpretare la nostra mimica facciale, lo stesso per i cavalli selvatici. In quanto tali penso che non abbiano avuto il tempo per approcciare una specie diversa, gli uni perché solitari e gli altri perché come dicevi ci vedono come predatori

"Se gli animali non umani possono riconoscere i segnali umani, tra cui le emozioni, ha sia importanza scientifica e applicata, ed è particolarmente rilevante per specie domestiche..... Accanto alle intuizioni che queste scoperte forniscono in comunicazione interspecifica, essi sollevano questioni interessanti circa la generalità e adattabilità di espressione emotiva e di percezione tra le specie.

1. Contesto
In molte specie sociali, emozioni forniscono informazioni sociali e ambientali di valore e sono suscettibili di svolgere un ruolo chiave nel facilitare la coesione del gruppo e funzionante [ 1 ]. Dal momento che l'osservazione emozione positiva suscita comportamenti approccio verso stimoli gratificanti, mentre le emozioni negative promuovere scanso di possibili minacce, la risposta di emozione in altri è potenzialmente molto adattabile [ 2 ]. La percezione di emozioni tra le specie può essere difficile in cui una notevole variazione morfologica divide segnalatore e il ricevitore. Ad oggi, diverse specie sono stati trovati a riconoscere le espressioni emotive umane quando sono presentati con la gamma completa di segnali del corpo, o dopo l'allenamento per abbinare specificamente i tratti del viso associati a particolari emozioni (ad esempio [ 3 , 4 ]). Tuttavia, la misura in cui le espressioni facciali possono essere spontaneamente discernere tra le specie delle barriere ha ricevuto sorprendentemente poca attenzione (ma si veda [ 5 , 6 ]). Qui usiamo test funzionalmente rilevanti per esplorare questa direttamente, in un paradigma che ci permette di valutare sia i sottostanti meccanismi cognitivi e fisiologici coinvolti.
Ci sono numerose spiegazioni possibili per l'emergere di capacità dei cavalli di discriminare particolari espressioni facciali umane. I cavalli possono aver adattato un capacità (ancestrale) preesistente per rispondere in modo adeguato alle espressioni emotive negative di conspecifici e, nel corso della loro coevoluzione con gli esseri umani, trasferito questa capacità su una specie morfologicamente diverse.In alternativa, gli individui possono imparare a interpretare le espressioni umane nel corso della loro esperienza di vita con gli esseri umani. A sostegno di quest'ultima tesi, la familiarità si trova ad essere un fattore significativo nel riconoscimento delle espressioni umane cani; hanno prestazioni migliori di fronte a loro proprietari [ 13 ] o con persone dello stesso sesso, come i loro proprietari [ 4 ], il che suggerisce che l'esperienza di vita ha un ruolo importante nel plasmare questa capacità. Per chiarire i meccanismi evolutivi e ontogenetiche coinvolti, le risposte delle specie e degli individui con diversi gradi di esposizione umana dovrebbero essere confrontati.

5. conclusione

Qui riportiamo la prima prova di cavalli capacità di discriminare spontaneamente, sia comportamentale e fisiologicamente, tra le espressioni facciali umane positive e negative, e la prima prova di espressioni facciali heterospecific delle emozioni che colpiscono di una specie HR. Questo solleva questioni interessanti circa la flessibilità e l'adattabilità della percezione emotiva in questo contesto, il ruolo potenziale di esperienza, e la possibilità di un generalizzabile, conservate e diffuse capacità di leggere spunti emotivi tra le specie."


Quindi sembra che anche loro hanno bisogno di allenamento
Aletto non è collegato   Rispondi Citando Vai in cima
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu Non puoi postare nuovi threads
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Disattivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +1. Attualmente sono le 21:44.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright, Privacy e Note Legali : Micimiao.net - Micimiao.it - Micimiao.com Copyright ©2000 - 2019.
Tutti i contenuti presenti all'interno di questo sito sono proprietà di micimiao e sono protetti da copyright. .
E' pertanto severamente vietato copiare anche solo parzialmente i contenuti di questo sito senza aver ottenuto il consenso esplicito.
Creato, aggiornato e gestito da webmaster Tamara